Ciottoli dal passato

Il rissëu ligure è debitore dei grandi capolavori a ciottoli del passato, mosaici a ciottoli furono realizzati  già tremila anni fa. Questa tecnica poi si sviluppò per circa un millenio toccando grandi vette artistiche.

I più antichi pavimenti di ciottoli conosciuti risalgono al IX secolo a.c. e sono Assiri, furono scoperti nel nord della Mesopotamia nel 1953 e sono ad Arslan tash e Til Barsip nell'attuale Iraq .
Successivo dell'VIII secolo a.c. è il mosaico a ciottoli di Gordion capitale dell'antica Frigia in Asia minore .

Ma è in Grecia che questa tecnica si diffuse maggiormente e raggiunse il suo apice anche con capolavori mai più superati ; è il caso dei mosaici di Pella in Macedonia che sono datati al IV - III secolo a.c.  essi sono così raffinati che si possono assimilare alla pittura e forse sono proprio trasposizioni di famosi quadri raffiguranti le gesta di Alessandro il Grande, realizzati con ciottoli policromi di dimensioni estremamente ridotte (circa 1 cm di diametro) colpiscono per l'effetto realistico e plastico delle scene rappresentate.

Citando i più famosi e conosciuti mosaici ritrovati a Pella possiamo elencare: La caccia al leone, La caccia al cervo , Dioniso su pantera , Il ratto di Elena .

Mosaici a ciottoli di periodo Ellenistico sono disseminati un pò in tutta la Grecia ma anche in Albania, Italia, Siria del nord, Egitto, Israele, Spagna , di seguito un breve elenco con i siti più importanti : Argos, Arpi, Ascoli Satriano, Assos, Atene, Chersoneso, Corinto, Delos, Dyrrachium, Eretria, Kourion, Lebena, Mozia, Muela de castulo, Olimpia, Olinto, Ordona, Vergina, Paphos, Pellene , Priene, Shatbi, Sicione, Sparta, Tarsos, Tera.

E' circa verso la fine del secolo III a.c.  inizio II a.c. che questa tecniche progressivamente cade in disuso a favore  del mosaico a tessere, che offriva più vantaggi rispetto al mosaico a ciottoli (maggior compatezza delle superfici, scelta policroma più ampia , facilità nel calpestio).

E' da considerare il fatto che comunque il mosaico di ciottoli  essendo arrivato fino a noi  si è tramandato e non è mai morto definitivamente, si può ipotizzare che sia sopravvissuto in forma minore per usi più pratici e ambienti minori.

Certo è che purtroppo tanti mosaici siano andati perduti nel corso dei secoli negandoci il completo quadro dello sviluppo di questa tecnica arrivata fino ai giorni nostri.

Anche  nella Grecia moderna  specialmente nelle isole si possono trovare tantissimi mosaici di ciottoli, manufatti più recenti eseguiti negli ultimi secoli, ma anche negli ultimi decenni, come testimonia l'attività di mosaicisti tuttora attivi prosecutori della tradizione.
Impossibile non fare il parallelo con lo sviluppo locale del Rissëu Ligure che ha dato nuova linfa a questa tecnica ritrovata e prodotto mirabili esempi tuttora apprezzabili.





























































2 commenti:

  1. i lavori antichi sono sempre fresche

    RispondiElimina
  2. Complimenti sia per la scrittura di questa pagina che per tutto e grazie per la tua email!

    RispondiElimina